domenica 31 agosto 2014

Verso la città delle lame






Sveglia non proprio all alba, colazione frugale e con ancora in testa  " Yo quiero estar contigo, vivir contigo, Bailar contigo, tener contigo una noche loca, Ay besar tu boca, Yo quiero estar contigo, vivir contigo...."  la canzone di Erique Iglesias  che quest'anno a Madrid e' il tormentone  corriamo  alla Stazione di Atocha per prendere il treno con  direzione Toledo.

Attenti alle macchinette automatiche, se i posti sono completi non e' detto che lo dica ed a fine elaborazione  simpaticamente ti liquida con " transazione non  effettuata".

Dopo un  "WOW " alla vista della serra  interna  aspettando la partenza, con 20 minuti siamo alla meta, in un altra bellissima  ma piu' piccola stazione che fa scorgere i segni di una lontana influenza e dominazione araba.
Preparatevi a camminare  molto perche' Toledo, l'attuale capolugo de La Mancia, la città delle spade ( o delle lame), con l'arcidiocesi più importante della Spagna, e dove l'artista  El Greco  trascorse i suoi ultimi anni sfornando opere a non finire, è molto in alto.
Quindi per chi come noi avesse la brillante idea di fare la strada panoramica a piedi sotto un sole bollente si prepari a giungere  con la lingua di fuori.
Il mio modesto  consiglio per gli avventori futuri:  scarpe comode, borraccia a portata di mano e magari prendere  il taxi per arrivare alla fortezza dell Alcazar.












venerdì 29 agosto 2014

Buongiorno Madrid

Le numerose sale  del Thyssen o El Prado, colme di splendide opere di artisti italiani come Canaletto, o maestri cone Hopper, Rubens, Linchtenstein, Velázquez  e tanti altri mi hanno affascinato ma anche sfinito. Quindi oggi mi  voglio godere una giornata di relax ed ispirato dalla " Maja desnuda " di Goya, faccio il Topo desnudo.

mercoledì 27 agosto 2014

In vacanza tutto scorre più in fretta.... Perchè?




Quando siamo in vacanza tutto scorre più in fretta,  perchè?
I luoghi da visitare, le cose da fare  e le situazioni da ricordare sono sempre tante  ma  il tempo sembra essere  poco.
Come tutti mi sono fatto un itinerario di viaggio  che  non sto seguendo,  godersi la città e le sue bellezze è l unico programma che voglio rispettare.

Fare un salto a trovare  il nuovo re di  Spagna e  girare per  i maestosi  saloni del Palacio Real de Madrid,  poi proseguire fino a Calle Ferraz  al  Templo de Debod, attraversare nuovamente  tutta Gran Via con destinazione la fondazione Thyssen-Bornemisza, un museo  che assieme al El Prado ed al Reina Sofia è assolutamente  da visitare. Ovvio non tutti e tre nello stesso giorno o sarebbe un suicidio! Intervallandoli nei giorni a Madrid ed  è molto conveniente  prendere  la card PASEO DEL ARTE per fare un  bingo d'arte.
In  fine  quando i piedi chiedono pace,  è giunto il momento di una rilassante  sosta tra i giardini storici del Parque del Retiro,  sdraiarsi sul prato che costeggia il laghetto,  con  un pit stop di rito alle sedie a dondolo al  Palacio de Cristal o per chi vuole un  giro in barca.
 I miei piedi ed io  abbiam  preferito  le sedie a dondolo !